Travel

Japanese Tea Garden in San Francisco

July 27, 2014
Photos of San Francisco, Japanese Tea Garden, Golden Gate Park. PH. Giorgia Pallaro, Travel Photography
San Francisco, Japanese Tea Garden. PH. Giorgia PallaroSan Francisco, Japanese Tea Garden. PH. Giorgia Pallaro

Uno dei posti da visitare obbligatoriamente a San Francisco, è il Japanese Tea Garden, all’interno del Golden Gate Park. È una sorta di piccola oasi estemporanea, costellata di pagode, piccoli corsi d’acqua, carpe giapponesi e giardini zen. Per anni è stata la residenza di Makoto Hagiwara, landscape-designer giapponese che nel 1894 realizzò il progetto che avrebbe dato vita a quella che ora è una delle più importanti attrazioni del parco, e che allora portava il nome di “Japanese Village”.

San Francisco, Japanese Tea Garden. PH. Giorgia PallaroSan Francisco, Japanese Tea Garden. PH. Giorgia Pallaro
San Francisco, Japanese Tea Garden. PH. Giorgia PallaroSan Francisco, Japanese Tea Garden. PH. Giorgia Pallaro
San Francisco, Japanese Tea Garden. PH. Giorgia Pallaro
San Francisco, Japanese Tea Garden. PH. Giorgia PallaroSan Francisco, Japanese Tea Garden. PH. Giorgia Pallaro
San Francisco, Japanese Tea Garden. PH. Giorgia PallaroSan Francisco, Japanese Tea Garden. PH. Giorgia Pallaro
San Francisco, Japanese Tea Garden. PH. Giorgia Pallaro
San Francisco, Japanese Tea Garden. PH. Giorgia PallaroSan Francisco, Japanese Tea Garden. PH. Giorgia Pallaro

Una nota curiosa: pare che Hagiwara sia stato anche l’inventore dei moderni biscotti della fortuna: è quasi un dato assodato che essi siano originari della cultura cinese, in realtà nacquero a San Francisco durante la celebrazione del Capodanno, verso gli inizi del ‘900. La famiglia, in accordo col sovritendente del Golden Gate Park, rimase a vivere nel giardino e se ne prese cura sino al 1942; anno in cui furono costretti a lasciare la loro abitazione per essere deportati nei campi di reinsediamento americani. Il giardino venne abbandonato, le piante iniziarono a morire, e le costruzioni, bisognose di continua manutenzione, finirono per rovinarsi. La famiglia Hagiwara non riuscì più a tornare a dedicare le proprie cure al giardino, ma lavori di ristrutturazione furono avviati dalla città per riportarlo agli antichi splendori.
Il Japanese Tea Garden attualmente è in condizioni meravigliose, io ci sono stata da sola e, non essendoci molti altri turisti, ho potuto vivere molto più intensamente il luogo di quanto non sperassi; per me è stato sicuramente uno dei momenti più significativi del viaggio.

ps. ho recuperato dall’internet questa lettera scritta da Erik Sumiharu Hagiwara-Nagata, bis-bis-bis-nipote di Makoto Hagiwara; l’ho trovata davvero carina, la lascio qui, ad honorem.


[soundcloud url=”https://api.soundcloud.com/tracks/99109401″ params=”auto_play=false&hide_related=false&hide” width=”100%” height=”60″ iframe=”true” /]

San Francisco, Japanese Tea Garden. PH. Giorgia Pallaro
San Francisco, Japanese Tea Garden. PH. Giorgia Pallarosan francisco Japanese Tea Garden
San Francisco, Japanese Tea Garden. PH. Giorgia PallaroSan Francisco, Japanese Tea Garden. PH. Giorgia Pallaro
San Francisco, Japanese Tea Garden. PH. Giorgia Pallaro
San Francisco, Japanese Tea Garden. PH. Giorgia PallaroSan Francisco, Japanese Tea Garden. PH. Giorgia Pallaro
San Francisco, Japanese Tea Garden. PH. Giorgia PallaroSan Francisco, Japanese Tea Garden. PH. Giorgia Pallaro
San Francisco, Japanese Tea Garden. PH. Giorgia Pallaro
San Francisco, Japanese Tea Garden. PH. Giorgia PallaroSan Francisco, Japanese Tea Garden. PH. Giorgia Pallaro
San Francisco, Japanese Tea Garden. PH. Giorgia PallaroSan Francisco, Japanese Tea Garden. PH. Giorgia Pallaro
San Francisco, Japanese Tea Garden. PH. Giorgia PallaroSan Francisco, Japanese Tea Garden. PH. Giorgia Pallaro
San Francisco, Japanese Tea Garden. PH. Giorgia Pallaro

You Might Also Like

2 Comments

  • Reply Chiara July 30, 2014 at 10:39 am

    Veramente bellissime, adoro questi posti e la loro storia, mi è piaciuto molto che tu abbia fatto ricerche su questo giardino per spiegare ancora meglio le foto e l’atmosfera che se ne percepisce.

    • Reply Giorgia August 24, 2014 at 5:54 pm

      Grazie mille Chiara! Cerco sempre di informarmi un po’ sui posti che visito, anche se poi mi viene la sindrome da from-link-to-link, per cui comincio ad approfondire qualsiasi cosa non conosca (onestamente non avevo il minimo ricordo dei campi d reinsediameno americani). Dopo un po’ però mi quieto lol

    Leave a Reply